Gestire vari monitor grazie a Windows 11

Nel corso degli ultimi anni, il mondo dell’intrattenimento su pc ha fatto dei passi in avanti da gigante. Merito, senza ombra di dubbio, del fatto che ci sia la possibilità di sfruttare funzionalità sempre più innovative: a beneficiarne, ovviamente, non è stato solo il mondo degli appassionati che hanno imparato come giocare al gratta e vinci online, ma anche tanti altri settori, come ad esempio il mondo del lavoro.

Va da merito a due colossi come, ad esempio, Apple e Microsoft, i cui conti sono letteralmente impennati nel corso della pandemia, esattamente come hanno fatto quelli di Alphabet, che hanno proposto, con il passare del tempo, soluzioni sempre più variegata e ricche di funzionalità e servizi veramente molto interessanti ed efficaci.

L’ultima novità legata al mondo Microsoft

Le numerose indiscrezioni che si stanno rincorrendo nel corso degli ultimi tempi sul web riguardano continuamente l’universo di Windows 11. In seguito alla pubblicazione degli incredibili benchmark che hanno ad oggetto la versione ufficiale che, a quanto pare, dovrebbe sbarcare in men che non si dica sul mercato.

Nel corso delle ultime ore, però, ci sono altre indiscrezioni che si stanno diffondendo sempre di più e che riguardano una funzionalità del tutto particolare, che indubbiamente potrà tornare decisamente utile a tutti coloro che hanno l’abitudine di utilizzare due oppure più monitor in contemporanea.

Infatti, come è stato messo in evidenza anche da parte dei colleghi di Windows Latest, nella maggior parte dei casi con Windows gli utenti hanno la possibilità di sfruttare vari monitor non è così semplice come si potrebbe pensare, visto che si potrebbe incappare in qualche problema di troppo.

Ad esempio, si potrebbe verificare lo spostamento in automatico delle schede aperte in posizioni non abituali in seguito alla riattivazione dello stato di standby oppure anche tante altre problematiche che sono strettamente correlate con la visualizzazione dei programmi che sono in esecuzione.

La grande novità

Di conseguenza, pare proprio che, per merito dell’ultima build che si riferisce al nuovo sistema operativo, gli sviluppatori abbiano deciso di introdurre una nuova funzionalità che offre la possibilità al sistema operativo di avere sempre in mente in maniera perfetta la posizione esatta delle finestre che sono aperte, in base alla connessione dello schermo. Adesso, la domanda che in tanti utenti si stanno facendo è la seguente: quando verranno risolte queste particolari problematiche? Pare che si debba avere ancora un po’ di pazienza, e attendere il momento in cui verrà lanciata la prima versione di Windows 11, i cui suoni sono stati svelati all’interno di un video recentemente pubblicato online, quindi prima del termine di quest’anno.

Non è l’unica novità degna di interesse che ha ad oggetto la gestione del desktop. Infatti, pare che sia stata introdotta una nuova funzionalità, stavolta opzionale, che offre agli utenti l’opportunità di ridimensionare le finestre nel momento in cui lo schermo secondario non è connesso. Non solo, dal momento che una nuova esperienza che ha ad oggetto lo snap, ovvero quella particolare funzionalità che permette di aprire e attivare app in modo affiancato.

In poche parole, questa nuova funzionalità consente di mandare in esecuzione fino a ben quattro applicazioni in contemporanea, prendendo in considerazione quindi sia il monitor primario che quello secondario, andando a ridurre in via del tutto automatica le finestre in relazione al punto in cui vengono trascinate e anche tenendo conto di layout decisamente diversi in relazione alla risoluzione che caratterizza lo schermo e di altre opzioni che si potranno personalizzare mediante un apposito menu presente nelle impostazioni. Non è un caso, quindi, che Windows stia puntando su tanti strumenti e funzionalità innovative per fare dei passi in avanti circa l’esperienza d’uso di Windows 11.

Windows 11 e il supporto al multitasking

Questa notizia si sposa e lega al fatto che con il periodo di covid appena passato, molti utenti hanno richiesto la possibilità di lavorare al meglio con windows in modalità multitasking.

In windows 10 erano ancora presenti molte legnosità nell’utilizzo di diversi schermi su windows, una esigenza fondamentale se Microsoft vuole elevare questo prodotto ad una platea ancora più ampia e cercare di rosicchiare terreno ai clienti Apple.

Questa novità potrebbe essere presa in modo molto positivo dagli utenti che utilizzano al lavoro monitor curvi e da chi utilizza monitor wireless per lavorare in mobilità anche dentro casa.

Monitor per PC IPS, tutto quello che devi sapere

Una delle tipologie di monitor più apprezzate in commercio è quella degli IPS, che rispetto ai comuni TN, garantiscono maggiore versatilità. Ma cos’è la tecnologia IPS? E come funziona?

Cos’è un monitor IPS

Si tratta di una tecnologia nata durante gli anni ’90 e l’acronimo IPS sta per In-Plane Switching. Questo nuovo principio venne studiato per fronteggiare i problemi dei vecchi monitor LCD, nello specifico la resa dei colori e l’angolo di visione. 

La differenza tra le due tecnologia sta nel movimento delle molecole di cristallo all’interno dello schermo. Nei modelli IPS invece di muoversi perpendicolarmente ad esso, come accade in quelli LCD, lo fanno parallelamente. 

Il risultato è una maggiore resa video e fotografica, ma soprattutto una minore dispersione di luce.

Non a caso i monitor IPS vengono usati negli studi di design e di grafica, oppure nei laboratori fotografici.

AOC 24G2U5/BK Monitor da Gaming Flat 23.8" IPS, Frameless,...
LG 24ML600S Monitor 24" FULL HD LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR,...
LG 34WN650 Monitor 34" UltraWide 21:9 LED IPS HDR 400,...
Philips 273V7QDAB Monitor 27" LED IPS Full HD, 4 ms, 3 Side...
AOC 24G2U5/BK Monitor da Gaming Flat 23.8" IPS, Frameless,...
LG 24ML600S Monitor 24" FULL HD LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR,...
LG 34WN650 Monitor 34" UltraWide 21:9 LED IPS HDR 400,...
Philips 273V7QDAB Monitor 27" LED IPS Full HD, 4 ms, 3 Side...
198,42 EUR
149,99 EUR
299,99 EUR
168,00 EUR
-
AOC 24G2U5/BK Monitor da Gaming Flat 23.8" IPS, Frameless,...
AOC 24G2U5/BK Monitor da Gaming Flat 23.8" IPS, Frameless,...
198,42 EUR
LG 24ML600S Monitor 24" FULL HD LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR,...
LG 24ML600S Monitor 24" FULL HD LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR,...
149,99 EUR
LG 34WN650 Monitor 34" UltraWide 21:9 LED IPS HDR 400,...
LG 34WN650 Monitor 34" UltraWide 21:9 LED IPS HDR 400,...
299,99 EUR
Philips 273V7QDAB Monitor 27" LED IPS Full HD, 4 ms, 3 Side...
Philips 273V7QDAB Monitor 27" LED IPS Full HD, 4 ms, 3 Side...
168,00 EUR
-

I punti di forza di un monitor IPS

Perché al momento dell’acquisto di un monitor dovremmo scegliere un modello IPS? Scoprilo in questo breve elenco:

Ampio angolo di visione: i monitor IPS hanno angoli di visione molto alti. I migliori in circolazione arrivano a 178 gradi. Ciò vuol dire che se guarderete lo schermo lateralmente non andrete incontro a nessuna forma di sfasamento. L’immagine rimarrà chiara e nitida da qualsiasi lato voi la guardiate.

  • Fedeltà dei colori: la resa dei colori è superiore, soprattutto per quanto riguarda le sfumature. Basti pensare che la resa dei colori un monitor IPS raggiunge il 100% di fedeltà rispetto al reale.
  • Migliore contrasto: grazie all’ampio spettro di colori riproducibile dagli IPS il contrasto è decisamente superiore ai monitor TN. Riguardo alla resa dei neri invece i monitor VA se la giocano meglio. 

I migliori monitor Ips su Amazon

OffertaBestseller No. 1
HP - PC V27e Monitor da 27", risoluzione FHD da 1920 x 1080,...
  • SCHERMO: pannello IPS da 27 pollici, Full HD (1920 x 1080p), con una Diagonale da 68,58 cm e Frequenza di 60Hz, Campo Visivo 16:9, 300 nits di luminosità, Tempo di Risposta 5 ms, Contrasto 1000:1;
  • REGOLAZIONE SCHERMO: in base alle tue preferenze puoi inclinare il display in avanti di 5° o all'indietro di 20°, angolo di visualizzazione orizzontale di 178°; la base non ruota su alcun asse
OffertaBestseller No. 2
LG 24ML600S Monitor 24" FULL HD LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR,...
  • Monitor 24" FullHD 1920 x 1080, AntiGlare, Flicker Safe
  • AMD FreeSync 75Hz, 250 cd/m2, colore calibrato
Bestseller No. 3
LG 27UL500 Monitor 27" UltraHD 4K LED IPS HDR 10, 3840x2160,...
  • Monitor 27" UltraHD 4K 3840 x 2160, Flicker Safe
  • HDR 10 (High Dynamic Range), 300 cd/m2, colore calibrato
OffertaBestseller No. 4
Samsung Monitor LED T35F (F24T352), Flat, 24", 1920 x 1080...
  • Samsung Monitor LED T35F, 24", Flat
  • 1920x1080 (Full HD), Pannello IPS, 16:9, Bezeless

Le debolezze di un monitor IPS 

Potrà sembrare strano ma anche i monitor IPS presentano degli svantaggi. Ecco un elenco.

  • Neri non perfetti: come anticipato nella precedente lista, i monitor IPS hanno delle perdite sulla resa dei neri. Ma non si tratta di una vera e propria debolezza, semplicemente non è paragonabile alla resa offerta da un monitor VA.
    Possiamo dunque stabilire che un IPS si trova a metro tra un Monitor VA e un monitor TN.
  • Tempo di risposta alto: l’allineamento in parallelo degli IPS porta tempi di risposta più lunghi. Ci aggiriamo intorno ai 5/6 ms. Non molto, ma più degli altri monitor. I monitor TN, per esempio, sono capaci di arrivare ad 1 ms. Un problema che riguarda esclusivamente i video-giocatori. 
  • IPS Glow: si tratta di piccoli aloni che compaiono ai lati del video in immagini con prevalenza di nero. Ma ormai non più presenti negli schermi di ultima generazione.
  • Costi elevati: la tecnologia IPS è di sicuro più costosa rispetto a quella TN, anche se molto dipende dal prodotto in questione. Oggi è possibile acquistare monitor IPS anche a prezzi ragionevoli, anche se essendo una tecnologia adatta al lavoro, trova un mercato tutto suo di professionisti.

Quando comprare un monitor IPS

Premesso che ognuno è libero di scegliere e comprare quale monitor preferisce, va detto però che gli IPS sono indicati per grafici, designer e fotografi.

Se fate parte di una di queste tre categorie comprare un IPS è quasi una scelta obbligatoria per poter avere una qualità di lavoro eccelsa.

Discorso analogo per chi ama guardare serie tv in streaming. Non a caso molti televisori moderni usano la stessa tipologia di pannello In-Plane Switchinng dei monitor per PC.

Per quanto riguarda i gamer, gli IPS rimango comunque una scelta valida perché sui modelli di fascia superiore il tempo di risposta non è diverso dai monitor TN, ma sicuramente se vogliamo scegliere un monitor per una ps5 ci potremo rivolgere ad altri modelli.

Conclusioni e prezzi

Rispetto agli anni precedenti, i prezzi dei monitor IPS si sono abbassati notevolmente, rendendo questa tecnologia accessibile un po’ a tutti, e non solo ai professionisti. A oggi infatti anche il neofita può portarsi a casa un IPS senza vedere il suo portafoglio svuotarsi del tutto. Infatti alla modica cifra di 100 euro si possono acquistare un monitor IPS a uso domestico

Chi invece è alla ricerca di un prodotto professionale, soprattutto per lavorare alla post-produzione di fotografie e video, il prezzo sale, ma nemmeno più di tanto. Con 250 euro infatti è già possibile comprare un ottimo monitor 4k da 24’’ come quelli consigliati in questo articolo.